MANIFESTAZIONI

Mazzorbo: La vigna murata e la rinascita della Dorona

Visita esclusiva con wine experience a Venissa

giovedì 18 giugno ore 14.30

disegno di Cristina Cortese

Una Tenuta completamente circondata da mura medievali in mattoni rossi racchiude una storia millenaria. Tra piante di giuggioli e melograni, tra carciofaie e zucchette, tra rosai e cespugli di rosmarino, un vitigno autoctono di uva Dorona attraversa i secoli e giunge fino a noi. Coltivato amorevolmente fin dal XIII secolo dalle monache benedettine di Santa Maria Annunziata della Valleverde, il luogo è stata riportato in vita dalla famiglia Bisol, (storici produttori di Prosecco di alta qualità a Valdobbiadene) che ha recuperato il vitigno, ormai silente, e in via d’estinzione, arrivando oggi a produrre un vino da collezionisti. La visita è incentrata sulla nascita del giardino promiscuo e sul progetto di recupero ambientale che ha coinvolto diverse parti sociali (contadini, viticoltori, agronomi, storici, artisti). L’itinerario inizia con un walking tour per Mazzorbo fino alla suggestiva chiesetta trecentesca di Santa Caterina.

Dopo la visita, ci immergeremo in una wine experience presso l’Osteria contemporanea, un angolo di paradiso all’interno della Tenuta Venissa, dove degusteremo, in via eccezionale, l’ultimo nato della realtà enologica lagunare: il bianco Venusa che parte da una selezione di uve più verdi e nel filo della tradizione fa una macerazione sulle bucce di una decina di giorni. Il risultato è un vino che rivela una personalità decisamente eccentrica, un naso ricco da cui emergono sentori spiccati di mela cotogna e un lieve accenno di agrume, mentre in bocca regala sensazioni più delicate e un palato tra il sapido e il salmastro. In una parola, un vino perfetto per la tavola veneziana. A completamento, proveremo le bollicine Maeli e un cicchetto lagunare.

Info pratiche

Punto d’incontro: Fondamenta Nove, Linea 12, molo A, ore 14.30 (partenza motonave ore 14.40 con arrivo a Mazzorbo 15.13, munirsi di biglietto).

Ritorno (libero) intorno alle ore 18/19

Contributo: di 22 euro comprensivo di visita guidata e wine experience.

Posti limitati per norme anticovid.

Per info: Matteo Baruzzo cell. 329-8148529 o email Baruzzo_mat@inwind.it

** fine documento **

Immagine di Cristina Cortese

Le Ferrari della Laguna

Visita esclusiva allo Squero Tramontin

Alla scoperta di una Venezia inedita

in compagnia della scrittrice Carla Coco

venerdì 26 giugno ore 16.00

E’ dal 1884 che in questo squero si costruiscono gondole. Non gondole qualsiasi, ma le Ferrari della Laguna, come sono state definite, perché il fondatore Domenico Tramontin apportò delle modifiche che rivoluzionarono la tecnica costruttiva a favore di una facilità di voga fino allora impensabile. Continuatore di questa dinastia di maestri d’ascia, è stato fino a qualche mese fa Roberto Tramontin, prematuramente scomparto; oggi sono le sue coraggiose figlie a portare avanti con il plauso di tutta Venezia questa eredità. Con legni (rovere, abete, ciliegio, larice etc), lavorati a mano e curvati al fuoco, usando ancora il piede veneto del XV secolo, si costruiscono gondole personalizzate perché ognuna tiene conto del peso del gondoliere che ne diverrà il proprietario. Molto interessante la piccola collezione e ferri da prua e poppa e di arredi.

A seguire aperitivo in un bacaro storico delle vicinanze.

Punto d’incontro: davanti all’imbarcadero delle Zattere, a San Basilio (alle 15.50)

Lo squero si trova a Dorsoduro 1542

Contributo di 22 euro che comprende visita guidata, biglietto d’ingresso e aperitivo.

Per info: Matteo Baruzzo cell. 329-8148529 o email Baruzzo_mat@inwind.it

** fine documento **

LEGUMI CHE PASSIONE

V EDIZIONE

STRA -VE VILLA LOREDAN

26-27 OTTOBRE

MOSTRA LEGUMI D’ITALIA

RASSEGNA DEDICATA AI LEGUMI E ALLE TRADIZIONI CONTADINE

LE NOSTRE VERTICALI

OSTERIA DA NALIN

VENERDI’ 18 OTTOBRE ORE 20.00

IL TEROLDEGO

Elisabetta Foradori vignaiola rivoluzionaria e creativa propone una verticale di 5 annate del proprio Teroldego capace di coniugare l’anima guerriera del vitigno con la complessità che esce maestosa dopo lunghi anni di affinamento

a seguire dalla cucina di Francesco Nalin

cicchetto di benvenuto

sautè di canestrelli , puntarelle, e curcuma fresca

risotto di capetonde e bevarasse

frittura di paranza

Manzoni bianco fontanasanta 2018

costo della serata

60,00 € per i soci Slow Food

35,00 per i non soci

Ristorante trattoria Nalin

via Argine sinistro nuovissimo 30034 Mira (VE)

WEEKEND STRABIOLOGICO

Tipico ed Artigianale

XIX Edizione

Mostra Mercato- Rassegna enogastronomica

LE PASTE ARTIGIANALI ITALIANE

Dal 25 al 28 Aprile 20419

Villa Loredan

Stra Riviera del Brenta

LE NOSTRE VERTICALI

L’AMARONE

Il nuovo re dei rossi italiani

Azienda Massimo Venturini San Pietro in Cariano Valpolicella

5 annate di Amarone Campomasura

2001 riserva, 2005 riserva, 2007 riserva, 2010, 2013

Condurrà la serata il capitano di lungo “sorso” Roberto CHECCHETTO collaboratore della guida SLOW WINE

Seguirà cena elaborata dallo chef Francesco Nalin

Contributo per la serata comprensivo di vini e di cena di pesce

50,00 € per i soci Slow Food

55,00 € per i non soci

Prenotazioni 041 423351   333 3021331

La tradizionale DISFIDA DEL SALAME alla sua 18° edizione. I Saeamari della riviera del Brenta ci faranno assaggiare le loro creazioni frutto di sapienti lavorazioni della carne di maiale, paziente attesa, e tradizioni tramandate di padre in figlio.

Le carni selezionate conservate nel budello naturale, l’accuratezza del processo di lavorazione, la stagionatura prolungata in cantine dedicate con ventilazione naturale e il clima dei luoghi di produzione sono alla base della qualità e raffinatezza di questo insaccato, che presenta un gusto tendente al dolce, ottime caratteristiche della fetta e buona conservabilità in frigorifero dopo il taglio.

CENA ALL’OSTERIA DA PAETO.

24/02/2017

Alla scoperta dei grandi tesori enologici del Veneto

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.